"The Beautyful Ones" - Njideka Akunyili Crosby

Aggiornato il: 17 dic 2018

Da questo novembre al 3 febbraio 2019, la National Portrait Gallery ospita la sua ultima mostra The Beautyful Ones, una serie di alcune delle opere più importanti dell'artista nigeriana Njideka Akunyili Crosby.


Exhibit room - Njideka Akunyili Crosby - National Portrait Gallery

Ispirata al romanzo ghanese The Beautyful Ones Are Not Yet Born dello scrittore ghanese Ayi Kwei Armah, la serie ritrae i fratelli di Crosby in posa o catturati in scene domestiche, circondati da interni tipici nigeriani che si arricchiscono di elementi “estranei” appartenenti alla cultura occidentale o a una nuova e poliedrica tradizione locale. Questa serie di opere è dedicata ad una nuova generazione, nella speranza che questa generazione possa vivere le sue potenzialità, avere l’opportunità di svilupparsi in una società più aperta e multietnica, una possibilità che la generazione dei suoi genitori non aveva avuto.

Nata nel 1983 a Enugu, in Nigeria, Crosby si è trasferita a Lagos all'età di 10 anni, dove è rimasta per sei anni fino a quando si è trasferita negli Stati Uniti dopo che sua madre vinse la lotteria della green card americana. Un anno dopo, Crosby tornò in Nigeria per far parte del Servizio Nazionale e fu in questa occasione che si rese conto di quanto la sua patria fosse cambiata e di quanti aspetti di culture diverse si erano fusi nella tradizione locale, creando una società nuova, multiculturale e più globale.

L'influenza del colonialismo britannico con i suoi costumi e le sue tradizioni insieme alla cultura pop americana con i suoi miti e status symbol aveva generato la nascita di nuovi comportamenti sociali; gli adolescenti avevano iniziato a ballare, posare, vestirsi e agire in modo diverso. Allo stesso modo, i loro sogni e le loro aspirazioni erano cambiati. Troviamo un grande esempio nel ritratto di suo fratello della Serie #2 dove uno dei suoi sei fratelli è ritratto in un abito nigeriano in stile militare, ma anche con un paio di mocassini neri con calze bianche, con un chiaro riferimento a Michael Jackson. Così come il suo modo di posare ci ricorda i movimenti tipici che l'intera generazione stava emulando all'epoca. Tra le fotografie sullo sfondo, la cantante nigeriana Chtis Okotie indossa una giacca rossa, che ci riporta alle immagini del video "Thriller".


Series #2 - Njideka Akunyili Crosby - National Portrait Gallery - Acrilico, matita colorata e transfer su carta, 2018

L'interesse di Crosby per questo complesso flusso di eventi sociali e culturali si è trasformato nello sviluppo di un meticoloso processo artistico nelle sue opere, che include trasferimenti fotografici, pittura, collage, disegno a matita, polvere di marmo e tessuti. Un processo che ha sviluppato durante gli studi alla Pennsylvania Academy of Fine Arts e poi alla Yale University School of Art, dove ha conseguito un master.

Esiste sempre un accurato processo di ricerca dietro ogni fotografia inclusa nelle opere dell’artista; la loro composizione ambigua e anche la logica del modo in cui Crosby le inserisce nel collage, possono riflettere il concetto stesso delle sue opere, mescolando e sovrapponendo strati aggiuntivi. Celebrità, politici, modelli, attori, cantanti, notizie da tutto il mondo, sono tutti riuniti in una composizione profondamente strutturata.

Indubbiamente, quando guardiamo i suoi dipinti, i riferimenti africani e soprattutto nigeriani sono piuttosto evidenti. Tuttavia, qualcosa ci distoglie dalla composizione e contemporaneamente ci collega a qualcos'altro.

Entrando nella sala espositiva, la combinazione di texture e patterns trascina lo spettatore nell'intimità delle scene di vita quotidiana dell’infanzia e dell’adolescenza dell’artista in Nigeria, ma anche dell'età adulta negli Stati Uniti. Dopo il primo impatto lo spettatore è dolcemente condotto in un'attenta osservazione dell'immagine, dove dettagli provenienti da culture diverse si fondono creando un equilibrio armonioso tra colori, forme e composizione. La serie #7 mostra una giovane ragazza in una scena di strada, in piedi con le braccia incrociate circondata da auto gialle, che ricordano il colore del suo vestito. Questo ritratto è uno dei pochi ambientati all'esterno, in quanto di solito sono tutti raffiguranti scene domestiche.


Series #7 - Njideka Akunyili Crosby - National Portrait Gallery - Acrilico, matita colorata e transfer su carta, 2018

In una stanza separata possiamo trovare un altro quadro che in realtà non appartiene alla serie, che si chiama Something Split and New, ispirato al saggio scritto dallo scrittore keniota Ngugi Wa Thiong'o, Something Torn and New: An African Renaissance 2009, sulle conseguenze del colonialismo e sull'importante ruolo delle lingue native per la memoria africana. Il dipinto raffigura una scena ispirata all'epoca in cui Crosby ha presentato il marito alla sua famiglia in Nigeria.


Something Split and New - Njideka Akunyili Crosby - National Portrait Gallery - Acrilico, carboncino, pastello, matita colorata, collage e transfer su carta, 2013

Esporre opere d'arte che incarnano non solo l'integrazione di due culture, ma anche la nascita di un nuovo patrimonio arricchito, come conseguenza del colonialismo, della migrazione e dell'integrazione, è di fondamentale importanza nel clima attuale.

In un momento così delicato e controverso per vari paesi che si trovano ad affrontare politiche migratorie rigorose, tra cui l'Inghilterra con le imminenti fasi finali del Brexit, il lavoro di Crosby diventa ancora più vitale e significativo per riflettere sul concetto di identità nell'epoca attuale.


“The Beautyful Ones” - Njideka Akunyili Crosby

17 novembre 2018 - 3 febbraio 2019 Stanza 41 & 41a, piano 0

National Portrait Gallery, St Martin's Place, London, WC2H 0HE

Orario di apertura: 10.00 - 18.00

Ingresso libero

https://www.npg.org.uk/whatson/display/2018/njideka-akunyili-crosby


- Carolina Rapezzi